Ci aspetta una crisi del caffè

Il caffè è una delle bevande più consumate in tutto il mondo ma è anche una pianta particolarmente delicata, che viene coltivata in specifiche condizioni ambientali in alcune regioni di America Latina, Asia e Africa. Secondo alcuni studi, a causa della deforestazione e dei cambiamenti climatici, nel 2050 le zone dove potrà essere coltivato il caffè saranno soltanto la metà di quelle in cui cresce attualmente, con grosse conseguenze sulla produzione, la disponibilità e i prezzi del caffè in commercio. Negli ultimi anni, in paesi come la Colombia la produzione di caffè ha già iniziato a calare: gli interventi da attuare per adattarsi alle nuove condizioni di coltivazione sono costosi, i prezzi bassi danno guadagni esigui e diversi agricoltori stanno così ripiegando su altri tipi di coltura; molti di più, tuttavia, potrebbero trovarsi senza una fonte di sostentamento entro pochi anni. Inoltre, secondo uno studio pubblicato nel 2019 su Science Advanced da alcuni ricercatori dei Royal Botanical Gardens di Kew, in Inghilterra, circa il 60 per cento delle 124 specie di piante selvatiche di caffè è vulnerabile o a rischio di estinzione… Articolo completo
Fonte: ilpost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *