La ripartenza c’è, va colta. Parola di Cedroni, Oldani, Negrini e Berton

Nella palude delle sofferenze del mondo della ristorazione determinate dalla pandemia, si cominciano a cogliere segnali positivi, quantomeno incoraggianti e speranzosi di un nuovo scenario in cui i ristoratori italiani possono credere per il futuro. La presentazione della prossima edizione della Milano Wine Week, fissata dal 3 all’11 ottobre con cui si rimetterà ufficialmente in moto la macchina degli eventi milanesi dopo la pausa imposta dalla pandemia da Covid-19, ha offerto lo spunto per una riflessione meditata sulla stato del settore che può puntare a costruire un nuovo futuro costruttivo piuttosto che abbandonarsi a un pessimismo che non produce certo nulla di buono. Produttori vinicoli e grandi protagonisti della cucina italiana sono intenzionati a fare fronte comune per risollevare le sorti dei rispettivi settori e la riscossa parte da Milano, città che, specie negli ultimi dieci anni, è stata capitale indiscussa dell’enogastronomia anche a livello internazionale… Articolo completo
Fonte: food.firstonline.info