Luppolo, tutti gli usi alternativi alla produzione di birra

Con il progetto ‘Innova.Luppolo’ il Crea sta studiando gli utilizzi alternativi alla produzione di birra dei coni in modo che un’azienda agricola possa trovare, in futuro, una fonte integrativa di reddito.
Non solo birra, il luppolo è una coltivazione ancora poco diffusa in Italia (sono stimati circa 100 ettari), ma che potenzialmente può prestarsi ad altri utilizzi. Già dall’antichità erano conosciute le proprietà di cui sono ricche le infiorescenze femminili, i coni di luppolo. Erano utilizzate per combattere ansia, insonnia, stress, le infiorescenze sono poi conosciute anche per l’azione antiossidante. Secondo la Coldiretti, il consumo di piante officinali in Italia ha superato le 25mila tonnellate ma il 70-75% proviene da importazioni, una premessa che può significare spazi di mercato. l Crea, in particolare il Centro Olivicoltura, frutticoltura e agrumicoltura di Roma, sta lavorando a un progetto denominato ‘Innova.Luppolo’ che si propone di portare avanti i risultati già ottenuti con il precedente progetto, ‘Luppolo.It’… Articolo completo
Fonte: agronotizie.imagelinenetwork.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *