Spumante italiano, una sfida di valore

Settecentosessanta milioni le bottiglie di spumante italiano prodotte nel 2019 per un mercato internazionale che ha registrato negli ultimi dieci anni un aumento del 90% di movimentazione di sparkling wine. Una crescita importante interrotta dalla pandemia globale in atto che ha determinato un segno negativo per il comparto delle bollicine, relegate spesso al consumo nei locali e per le feste. Un cedimento che sembra essersi arrestato con lo sblocco del lockdown. Oggi il mercato dello spumante italiano vede per il metodo charmat, fermentazione in autoclave, il consolidarti del Prosecco sul mercato mondiale, e per il metodo classico, fermentazione in bottiglia, il successo del Franciacorta. Un settore quello del Metodo Classico che sta coinvolgendo tutto lo stivale con una produzione di qualità e che dimostra la maturità del nostro sistema vitivinicolo italiano. Oggi però voglio fare un passo indietro per provare a riflettere sulle sfide future del sistema spumante italiano narrandovi una storia passata e moderna… Articolo completo
Fonte: huffingtonpost.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *